Dimagrire nel Sonno – Il Bendaggio Gastrico Virtuale

Il bendaggio gastrico chirurgico

All’estremità superiore dello stomaco viene inserito chirurgicamente un anello che crea una piccola tasca, delle dimensioni di una pallina da golf o da tennis. Quando mangi, la sacca si riempie e ti senti sazio. A questo punto lo stomaco invia al cervello un segnale per indicargli che è pieno, così smetti di mangiare prima di riempirti in eccesso.

Mia madre e il suo bendaggio gastrico

[Roy] Mia madre si sottopose a un’operazione chirurgica di bendaggio gastrico quando aveva circa sessantacinque anni. All’inizio ne fu molto felice, non poteva mangiare come prima e doveva masticare di più perché, se inghiottiva un boccone troppo grosso senza averlo masticato adeguatamente, aveva la sensazione che qualcosa le si fosse bloccato in gola. Scoprì presto che preferiva le zuppe ai soliti pasti, perché erano più facili da mandar giù. Gradualmente si abituò a mangiare porzioni più piccole. Ma ciò che non era cambiato era il suo desiderio di cibo. Aveva ancora voglia di cioccolato e caramelle e, a dire il vero, ora che mangiava meno cominciò a fare più spuntini, a volte persino preferendo uno snack a un pasto vero e proprio. Alla fine, il bendaggio gastrico chirurgico diventò inutile perché, dopo aver perso un po’ di peso, gradualmente lo riprese tutto e si ritrovò al punto di partenza. Avendo assistito all’esperienza di mia madre con il bendaggio gastrico chirurgico, capii che si trattava solo di un trattamento sintomatico, che non risolve i veri problemi di fondo. Non sto dicendo che la stessa cosa accade a tutti i pazienti che si sono sottoposti a questa operazione, sto solo affermando che il bendaggio gastrico chirurgico non affronta il complesso dei fattori coinvolti nell’aumento di peso. Ecco perché nel programma “Dimagrire nel Sonno” affrontiamo tutti gli aspetti del problema, e non solo la diminuzione delle dimensioni dello stomaco.

Il bendaggio gastrico chirurgico (continua)

Migliaia di operazioni di bendaggio gastrico chirurgico sono eseguite ogni anno su pazienti perlopiù obesi. Si tratta soprattutto di persone in grave sovrappeso, che hanno problemi di salute legati all’obesità, hanno più di diciotto anni e meno di sessanta, e hanno fallito con tutti gli altri metodi di controllo del peso. I pazienti devono rispondere a certi requisiti per potersi sottoporre a questa operazione, e molte persone non possono affrontarla a causa di possibili rischi per la salute e/o per ragioni economiche. Secondo la Società Americana di Chirurgia bariatrica e metabolica, l’operazione chirurgica di bendaggio gastrico non è un’opzione facile per chi soffre di obesità. È un passo drastico, e comporta il dolore e i rischi di ogni delicata operazione chirurgica gastrointestinale. I pazienti che si sottopongono al bendaggio gastrico chirurgicamente non solo devono assumersi i rischi dell’intervento, ma devono anche osservare per tutta la vita le significative restrizioni alimentari richieste per un risultato a lungo termine.

L’alternativa

E se potessi avere i benefici dell’intervento chirurgico di bendaggio gastrico senza gli effetti collaterali negativi? Ecco dove le tecniche di Brain Training entrano in azione. Nel programma “Dimagrire nel Sonno” si utilizzano tecniche di visualizzazione per indurre nella mente subcosciente la percezione di uno stomaco molto più piccolo, come se si fosse subita effettivamente un’operazione chirurgica di bendaggio gastrico. Ovviamente l’intervento non viene realmente effettuato, ma solo virtualmente grazie alla visualizzazione. A livello conscio, la persona sa di non aver subito un intervento chirurgico ma, grazie a questo speciale metodo per riprogrammare la mente subconscia, il suo corpo e il suo cervello reagiscono come se fosse realmente avvenuto.

La rivoluzione nel mondo dell’ipnosi e della perdita di peso

Grazie a questa nuova tecnica, il tasso di successo dell’ipnosi è passato dal 35 al 95 per cento. L’ipnoterapeuta Sheila Granger è stata tra i primi a usare questa tecnica nel Regno Unito: da allora ha lavorato con migliaia di persone in sovrappeso e il suo lavoro è stato più volte citato da famose riviste internazionali. Ci siamo fatti spiegare il metodo direttamente da lei e l’abbiamo poi modificato affinché potesse essere seguito autonomamente dalle persone, senza il supporto di un ipnoterapeuta, tramite la visualizzazione.

Il tuo nuovo migliore amico: il bendaggio gastrico virtuale

Permettici di presentarti il tuo nuovo amico, il tuo compagno nel programma per dimagrire e sentirti in forma: il bendaggio gastrico virtuale. Il bendaggio gastrico virtuale rappresenta un efficace sostegno nel tuo viaggio per ritrovare la forma fisica e la salute. T’impedisce di mangiare troppo, mentre allo stesso tempo impari a reagire in modo naturale ai segnali del tuo corpo. In questo modo, perdere peso è molto più facile. Il bendaggio gastrico virtuale t’impedisce di mangiare troppo e ti aiuta a interrompere i tuoi vecchi schemi comportamentali.

Come agisce

Prima del bendaggio gastrico, lo stomaco è all’incirca delle dimensioni di un melone. Se mangi molto si espande, mentre se mangi poco può restringersi. Quando è pieno, ti senti sazio. Quando mangi troppo, puoi sentirti gonfio e avere dolori di stomaco. Se mangiare troppo diventa un’abitudine, lo stomaco si dilata e riesci a ingerire molto più cibo del necessario senza sentirti troppo male. Il bendaggio gastrico virtuale funziona proprio come il bypass gastrico chirurgico, perché l’organismo reagisce alle suggestioni della visualizzazione. Anche se a livello conscio sai molto bene che non sei stato operato, la tua mente subconscia crede di sì e reagisce di conseguenza. Con il bendaggio gastrico virtuale non puoi mangiare troppo, perché ti senti sazio molto prima. Uno degli aspetti che ci piace di più di questo approccio è che ogni persona in sovrappeso può utilizzare questa tecnica, a prescindere dall’età e senza il rischio di complicazioni post operatorie. Pensa ai benefici che si possono trarre nell’ambito dell’obesità.

L’esperienza di Micaela con il bendaggio gastrico virtuale

“Avevo provato così tante diete, senza riuscire mai a perdere i chili di troppo che avevo messo su dopo le mie due gravidanze, che ero disposta a provare qualsiasi cosa. Quando lessi del Brain Training capii subito che era la tecnica giusta per me, perché non avevo tempo di andare in palestra e non riuscivo a frenare la mia fame emotiva. Seguii le istruzioni alla lettera. Quando iniziai la seconda sessione, dove viene installato il bendaggio gastrico virtuale, ero preoccupata di non riuscire ad andare abbastanza in profondità. Ma mi rilassai, come mi veniva detto, e lo considerai come un gioco. Mi lasciai andare, e mi sembrò come di ascoltare una storia. Fui sorpresa dalle sensazioni ed emozioni che provai, era come guardare un film dentro la mia mente ed era divertente. Mi sentivo molto consapevole di tutto ciò che stava accadendo intorno a me e mi sembrava di avere il pieno controllo. Fin dal giorno dopo notai i primi cambiamenti: mangiavo lentamente e consapevolmente, e notai (con mio grande piacere e sorpresa) che anche la mia famiglia aveva adottato il mio modo di mangiare più lento. Facemmo il gioco di metter giù le posate tra un boccone e l’altro, e i bambini cominciarono una gara a chi riusciva a mangiare più lentamente. Mio marito commentò che sembravo più rilassata, e gradì l’atmosfera divertente che c’era a tavola. Avevamo più tempo per chiacchierare e ascoltarci l’un l’altro. Solo allora mi resi conto che non avevo mangiato neanche la metà di quello che avevo nel piatto. E mi sentivo sazia e soddisfatta. Era sicuramente la prima volta per me, dato che di solito ero quella che ripuliva non solo il proprio piatto ma anche quello dei bambini. Mi sentivo così fiera di me stessa, e la cosa bella è che da allora è stato sempre così. Sentivo di avere il controllo della mia vita, e nello stesso tempo ero più rilassata. Anche quando i ragazzi hanno una giornata difficile e lo stress incombe su di noi, cerco sempre di ritagliarmi un po’ di tempo per sentire le registrazioni. Nel frattempo mi piace meditare, e la voce di Joy mi manda in trance così velocemente che ho difficoltà a rimanere sveglia. Ho perso tutto il peso accumulato con le gravidanze; è accaduto così facilmente e senza sforzi che non posso dire di aver sofferto un solo giorno. E quando i miei figli mi dicono che sto veramente bene, mi sento la regina del mondo.”



Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo testo estratto dal libro può essere riprodotta tramite alcun procedimento meccanico, fotografico o elettronico, o sotto forma di registrazione fonografica; né può essere immagazzinata in un sistema di reperimento dati, trasmessa o altrimenti essere copiata per uso pubblico o privato, escluso l’“uso corretto” per brevi citazioni in articoli e riviste, senza previa autorizzazione scritta dell’editore.