Dimagrire nel Sonno: Introduzione

La legge della follia


“Follia è fare sempre la stessa cosa e aspettarsi risultati diversi.” Albert Einstein

Le nostre madri sono esperte di diete

Durante i seminari, Roy ripete spesso, scherzosamente: “Mia madre in vita sua ha perso più chili di quanto pesa un elefante adulto. Purtroppo li ha sempre ripresi tutti.” Entrambe le nostre madri hanno provato più di quaranta diverse diete e sono delle enciclopedie ambulanti al riguardo e sulle differenze tra l’una e l’altra. La mamma di Roy è andata alla Weight Watchers per anni e quello era il solo sistema che riusciva a farle perdere peso. Ma non appena ha smesso di frequentare le riunioni, l’effetto yo-yo si è ripresentato con tutta la sua forza.

La mamma di Joy

Per quanto posso ricordare, mia madre è sempre stata a dieta. Un mio ricordo molto vivido è che alle cene di famiglia tutti avevamo i piatti pieni di cibo, tranne lei. Tutto quello che mangiava era la metà di un pompelmo. Sono cresciuta vedendo la mia bella madre lottare con il proprio peso. Smetteva di mangiare per qualche tempo, ne soffriva e poi ricadeva nelle sue vecchie abitudini non appena la forza di volontà veniva meno. L’aumento del suo peso era direttamente collegato alla diminuzione della sua autostima. Detestando essere in sovrappeso, divenne sempre più sensibile a ogni commento (e persino sguardo) riguardante il suo aspetto fisico, e non accettava alcuna forma di aiuto. È stato straziante come figlia vedere questa donna straordinaria perdere la sua battaglia per dimagrire, per non parlare dei problemi di salute causati dal grasso in eccesso. E io non potevo fare niente per aiutarla. Quando finalmente fui in grado di farlo, e lei me lo permise, tutto cambiò. Finalmente la mia amata mamma poté rompere gli schemi distruttivi che la portavano a mangiare troppo, ed essere la signora sana, magra e felice che è ancora oggi. E puoi immaginare quanto mi ha emozionata leggere la testimonianza che ha voluto inviarci: “Sono un’esperta di diete. Durante la mia vita splendida ed eccitante non ce n’è praticamente nessuna che non abbia provato. Ho contato le calorie, i joule, le unità di grasso, i carboidrati e le fibre. Ho separato i carboidrati dalle proteine, ho mangiato i grassi con le proteine, sono diventata totalmente vegetariana e ho gustato la dieta mediterranea. Nominane una a caso, e io l’ho provata. Il mio peso è andato su e giù come uno yo-yo, più di un ginnasta sul trampolino, e nel corso degli anni devo aver perso più del peso di un cucciolo di elefante per poi riprenderlo tutto quanto. Ti suona familiare? Il programma ‘Dimagrire nel Sonno’ è l’unico che mi ha mostrato come ottenere e mantenere un fisico di cui essere fiera. Inizialmente ero scettica, ma quando le settimane sono diventate mesi, ho cominciato ad apprezzare moltissimo la perdita di peso senza sforzo. Non solo quei terribili morsi della fame sono spariti, ma avevo anche molta più energia. Ho ricominciato anche a correre, con mio grande piacere. Ho scoperto che sceglievo automaticamente di mangiare frutta e verdura e non desideravo più caramelle 21 e cioccolatini. Perdevo peso in modo regolare e costante, e in nessun momento sentivo di essere a dieta. Il programma ‘Dimagrire nel Sonno’ è diventato uno stile di vita e da quando l’ho iniziato mi sento benissimo.”

Silvia, Omega Health Coach in Italia

Questa non è solo la storia delle nostre madri, l’abbiamo sentita ripetutamente da molte persone che hanno provato una miriade di diete e pillole. Un’esperienza tipica è quella di Silvia. La conosciamo da qualche anno e abbiamo capito che sarebbe stata molto più felice come coach se avesse potuto perdere un po’ di peso. Silvia allora aveva trentotto anni e la sua storia la racconta così: “Durante la mia seconda gravidanza (avevo ventotto anni), avevo una gran voglia di dolci e ho iniziato a mangiarli quotidianamente. In Italia è piuttosto diffusa la credenza che rinunciare a mangiare qualcosa durante la gravidanza significhi privare il bambino del nutrimento. Così abbiamo la scusa per mangiare ciò che desideriamo senza sensi di colpa, ed è esattamente quello che ho fatto. Alla fine della gravidanza ero ingrassata di circa quindici chili, inoltre durante l’allattamento avevo sempre voglia di formaggio e ne ho mangiate enormi quantità.” Alla fine, Silvia era quasi venti chili al di sopra del suo peso normale. Aveva provato la dieta Fit for life, la Atkins, la paleodieta e almeno dieci altre, ma senza alcun esito. La storia era sempre la stessa: all’inizio tutto funzionava perfettamente e lei perdeva peso rapidamente, ma dopo tre o quattro settimane la forza di volontà diminuiva e lei ricominciava ad abbuffarsi, poi si sentiva in colpa e abbandonava quel tipo di dieta. Aveva provato anche l’ipnosi, l’agopuntura e l’esercizio fisico ma non era mai riuscita a non riprendere peso. Anzi, a quel punto era ventisei chili sopra il suo peso forma. A complicare le cose c’era anche la sensazione di aver fallito come coach e ovviamente il suo lavoro ne aveva risentito. La parte più dolorosa della sua storia (piangeva mentre la raccontava) era stata ammettere la sconfitta. Sentiva di essere una causa persa, una donna poco attraente e una cattiva madre per non poter essere un modello perfetto per i suoi due figli. Diceva di avere cercato nel cibo un rifugio da quel dolore. Venne al seminario perché credeva nei nostri metodi, essendo stata formata da noi come health coach. Ci disse: “Sono così felice che abbiate finalmente deciso di affrontare questo problema. Se funziona per me, posso aiutare centinaia di persone che conosco e che stanno soffrendo per lo stesso problema, e sarò di nuovo sulla giusta strada per essere veramente me stessa.”

Il bendaggio che ha cambiato il nostro futuro

Tornando alle nostre madri, il bendaggio gastrico è stato un punto di svolta nelle loro vite, e anche nelle nostre. Abbiamo scoperto che il trucco consisteva nell’insegnare alle persone a ricominciare ad ascoltare il proprio corpo (vedi Capitolo 6). Il bendaggio gastrico ti obbliga a mangiare di meno e a sentirti sazio prima, quindi abbiamo deciso di trovare un modo di applicare questo concetto alla nostra pratica senza l’intervento chirurgico. Sapevamo che le nostre madri, come Silvia, erano esperte di diete. Non avevano bisogno di sapere cosa mangiare, ma di una strategia che le aiutasse a riconnettersi con l’intelligenza del loro corpo e a imparare come mangiare.

La teoria è sopravvalutata

Se hai provato più di quattro o cinque diete, ormai sei un esperto in materia e sai tutto su quel che non funziona. Ogni libro che leggi affronta un aspetto o una teoria diversa riguardo alle diete. In pratica, una moda via l’altra. Per certi versi si può dire che le diete siano tutte valide, ma la domanda è: perché non funzionano con tutti e perché i loro effetti non durano per sempre? Ogni giorno milioni di persone cominciano una dieta ipocalorica, povera di carboidrati, priva di grassi o di zuccheri; scelgono la dieta paleo, la dieta mediterranea ecc. Il dottor Atkins, come molti altri, se l’è presa con i carboidrati, e lo stesso vale per la dieta South Beach, per quella contro la dipendenza da carboidrati e così via. C’è stata la dieta Fit for life, basata sui diversi abbinamenti di cibo per perdere peso e mantenersi in forma. Ci sono state la dieta del gruppo sanguigno, quella metabolica e quella povera di grassi, la dieta Weight Watchers e così via. Ora l’ultima tendenza punta sul DNA. In base a questo approccio, siamo ancora raccoglitori e cacciatori e dovremmo mangiare come i nostri antenati. Se tornassimo all’età della pietra, saremmo snelli e in forma. La maggior parte della gente ha provato diverse diete in passato e si è sempre ritrovata nello stesso circolo vizioso: prima perde peso e poi, con il passare del tempo, finisce per riprenderlo. Finora stare a dieta e soffrire i morsi della fame ha solo portato molte persone alla depressione e a una battaglia quotidiana contro il cibo. Magari anche tu hai già battuto questa strada e sei attratto dall’idea di perdere peso mentre dormi. Sembra quasi troppo bello per essere vero. Sappi che queste teorie funzionano davvero e hanno solide basi scientifiche. Ma, in fin dei conti, la cosa più importante non è la teoria. Quel che conta sono sette semplici principi che ci piacerebbe trovare in ogni programma per perdere peso:

  • Questo programma di Brain Training ha cambiato il tuo stile di vita e le tue abitudini alimentari?
  • Ti ha reso più felice ed emotivamente più stabile?
  • È salutare per il corpo?
  • È sostenibile? Riusciresti a seguirlo per il resto della vita?
  • È semplice, divertente e delicato oppure avverti una certa resistenza?
  • Devi ricorrere alla forza di volontà per seguirlo oppure hai inserito il pilota automatico?
  • È efficace? Perdi peso in modo regolare, nonostante qualche piccola battuta d’arresto?

Il programma che abbiamo creato per te contiene tutti e sette questi fattori. Abbiamo messo a punto un sistema che consente di programmare la mente e perdere peso in modo facile ed efficace, con risultati positivi a lungo termine che superano il 95 per cento. Sei pronto per scoprire che la dieta è meno importante di quanto tu creda? Ti spiegheremo la teoria che devi conoscere e ti diremo come incrementare il metabolismo per bruciare i grassi. Ti racconteremo di come abbiamo aiutato migliaia di persone in tutto il mondo a cambiare vita e a perdere finalmente peso senza più riprenderlo. Potrai spezzare il circolo vizioso in cui si trovano milioni di individui in tutto il Pianeta, che ingrassano gradualmente 25 e soffrono degli effetti disastrosi del sovrappeso sulla loro salute. Non importa se devi perdere cinque, cinquanta o cento chili, puoi vincere questa battaglia e diminuire la tua percentuale di grasso corporeo. Noi ti daremo tutte le informazioni di base, poi starà a te darti da fare.

Silvia, Omega Health coach in Italia (continua)

Silvia seguì il nostro seminario di tre giorni e la cosa interessante è che già durante quel brevissimo periodo perse quasi un chilo. Come mai? Perché i praticanti si esercitano l’uno con l’altro, e il bendaggio gastrico virtuale fu installato il secondo giorno; il terzo lavorammo per sviluppare avversione verso i cibi che provocano dipendenza e attrazione per i cibi sani. Solo cambiando il suo modo di mangiare (lo imparerai in questo libro) e con il Brain Training, Silvia cominciò a perdere peso gradualmente e senza sforzi. Dopo quattro settimane ci scrisse questa e-mail: “Cari Joy e Roy, avete salvato la mia salute psichica, il mio matrimonio e il mio lavoro di coach. Ora mi sento bene, tanti nuovi clienti chiamano ogni giorno e moltissimi grazie al ’passaparola’, e questo perché mi sento di nuovo viva e ho più energia di quando ero più giovane. La cosa ancora più bella è che ora seguo un gruppo di donne a cui sto insegnando a perdere peso, e stanno tutte facendo progressi. Grazie, grazie, grazie!”.

Fase 1: completata, hai ricevuto queste informazioni

L’Universo ha contribuito a far arrivare queste informazioni tra le tue mani, perché tu possa compiere i passi successivi del processo che ti permetterà di accedere alle risorse nascoste dentro di te per dimagrire e restare magro. Se hai ci concentriamo unicamente sulle possibilità limitate offerte dal mondo tridimensionale. Sviluppiamo inoltre alcune credenze, che ci impediscono di usare la mente in modo appropriato per controllare il nostro corpo.

Fase 2: l’obiettivo è restituirti il controllo

Questo libro e i programmi che abbiamo creato hanno l’obiettivo di restituirti il controllo sul tuo corpo, allungarti la vita ben oltre le normali statistiche e restituirti la tua vitalità. Perciò se vuoi dimagrire, restare in salute ed essere vitale, e se hai la determinazione necessaria per influenzare la mente e il corpo, questo è proprio il libro che fa per te. Non solo perderai peso, ma imparerai anche a modificare altri aspetti della tua vita e a raggiungere molti più obiettivi.

Fase 3: compra un diario e valuta dove ti trovi adesso

Fanne il diario personale del tuo dimagrimento. Inizia rispondendo alle domande che trovi nell’Appendice per saperne di più sulla tua condizione attuale prima di continuare a leggere.



Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo testo estratto dal libro può essere riprodotta tramite alcun procedimento meccanico, fotografico o elettronico, o sotto forma di registrazione fonografica; né può essere immagazzinata in un sistema di reperimento dati, trasmessa o altrimenti essere copiata per uso pubblico o privato, escluso l’“uso corretto” per brevi citazioni in articoli e riviste, senza previa autorizzazione scritta dell’editore.